“L’essenza di ogni crisi, al di là delle diverse possibili cause scatenanti, consiste semplicemente nell’incapacità di trascendere le condizioni in cui stiamo vivendo” ¹

Marcin Fabianski, filosofo e storico dell’arte, alla ricerca di un po’ di pace dagli affanni della routine quotidiana, decide di dirigersi in Asia, dove, grazie a delle esperienze meditative presso un monastero buddista, inizia finalmente a respirare la tranquillità d’animo agognata.

Ogni volta che ritorna, però, rimane sconcertato dal ripresentarsi dello stato di turbamento iniziale, così lontano dalla pace che credeva di aver conquistato. Fare i conti con le piccole fatiche quotidiane, il computer che non funziona, la coda interminabile.. le relazioni tra colleghi al lavoro, è sufficiente per fargli perdere lo stato raggiunto. Inizia così ad interrogarsi: come portare la serenità sperimentata, così tangibile nelle sue esperienze orientali, nella vita di tutti i giorni senza andare ogni volta fino in Asia?

Marcin arriva ad una conclusione, che racconta nel suo libro “Street Philosophy”²: spesso il modo in cui noi pensiamo alla nostra vita ci crea degli ostacoli che tracciano poi i confini della nostra infelicità: “molti vivono portandosi dietro, nella mente, un torturatore che seguita ad attaccarli, imponendo loro svariati tipi di punizioni e succhiando l’energia vitale”³. Spesso la nostra mente è piena di “opinioni, grumi di frammenti raggelati del passato, illusioni, modelli comportamentali e preconcetti che assorbi(amo) dal mondo circostante in modo del tutto acritico (..)” e che plasmano il nostro modo di vedere (e vivere) la realtà. Spesso sono pensieri non funzionali, ripetitivi, che siamo “abituati” a pensare e che .. chiederebbero una rinfrescata. Può essere allora proprio cambiando il nostro modo di pensare che possiamo segnare i confini della nostra felicità.

Ma come?

  1. Papa, nel libro “Nati per incominciare” racconta di come il filosofo Socrate, dopo aver passato la sua giornata a discutere nella piazza, abbia bisogno di ritornare “a casa”, un luogo protetto in cui condurre un muto dialogo con.. se stesso.⁵ “Sdoppiandosi” Socrate ha lo spazio per “ritrovarsi”. Leggerei questo sdoppiarsi così: prendere un respiro rispetto alla situazione in cui stiamo vivendo, guardarci e chiederci se noi ci riconosciamo in quelle azioni, in quel modo di fare, in quelle parole dette. Non un giudizio su noi stessi, ma piuttosto la possibilità di guardare e comprendere, conoscerci. È così che staccarci da una situazione crea lo spazio per nuove possibilità: possiamo vedere modi diversi in cui è possibile agire, differenti da quelli che avevamo provato prima, e che pensavamo fossero gli unici possibili. Scegliere chi vogliamo essere. Non coltivare questa capacità ci mette al contrario in balia dei tanti pensieri possibili, di giudizi preconfezionati e dubbi su come comportarsi. Certo è che a volte è difficile staccarsi da una catena di pensieri, respirare e ottenere questo sguardo differente.

In Street Philosophy Marcin spiega di come non si tratti di studiare pensatori e conoscere teorie, quanto di un allenamento quotidiano al pensare, che passo dopo passo ci rafforzi. Marcin ha trovato una via nelle pratiche meditative dei pensatori stoici antichi. Nel suo libro ne parla e delinea alcuni esempi di come applicare concretamente questi insegnamenti alle situazioni della vita quotidiana, alle piccole difficoltà in cui incappiamo tutti i giorni, convinto che un costante lavoro quotidiano sulle piccole cose possa fornirci un bagaglio di consapevolezza che ci tornerà utile nei momenti di maggiore difficoltà. 

 

E noi? Qual è la nostra “casa”? In quali spazi, in quali occasioni, ci sentiamo maggiormente “noi stessi”? Quali momenti quotidiani ci aiutano a rinfrescare il nostro pensiero e renderci più pronti ad ad affrontare le difficoltà? Con quali persone riusciamo ad interrompere la catena di pensieri abitudinari e guardare le cose da prospettive differenti?

 

¹    M. Fontanella, L’identità umana come sistema complesso, Editoriale Documenta, Cargeghe 2019, p 20.

²       M. Fabianski, Street Philosophy, saggezza quotidiana, Editore Lemma Press, 2018.

³       M. Fabianski, Street Philosophy, p. 7

⁴       ibidem

⁵       A. Papa, Nati per incominciare, ed. Vita&Pensiero, Milano 2011, p. 19-21

                                                                    Sguardi sugli orizzonti. Rubrica filosofica a cura di Stefania Balzarotti

Pin It

ARTICOLI

GALLERIA

POLICY

NEWSLETTER

LINK

DOVE SIAMO

Info Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.