SPIRITUALITÀ

 Proporre un sistema (filosofico, teologico, etico) sulla morte è forse una follia. Esso fa parte di quel processo di mercificazione e reificazione delle idee che Kierkegaard, in Timore e Tremore, condannava sotto il suo pseudonimo di Johannes Silentio.E il silenzio è quello che si è perso in un’epoca in cui si mira sempre di più a proporre modelli normativi cercando invano di addomesticare fenomeni complessi come quelli che riguardano l’eutanasia, l’accanimento terapeutico, l’aborto, ecc.

ARTICOLI

GALLERIA

POLICY

NEWSLETTER

LINK

DOVE SIAMO

Info Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.